prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Non sprechiamo l‘acqua

gennaio 20, 2003 12:00 pm

E’ rivolta ai più giovani la campagna promossa dal Wwf: on line un test per scoprire come risparmiarla La chiamano “l’oro blu”: è l’acqua dolce, proviene soprattutto dallo sciogliersi dei ghiacci delle montagne, che costituiscono la più grande risorsa idrica in Europa, ma non è illimitata. In un pianeta sempre più asciutto e dalle acque…

E’ rivolta ai più giovani la campagna promossa dal Wwf: on line un test per scoprire come risparmiarla

La chiamano “l’oro blu”: è l’acqua dolce, proviene soprattutto dallo sciogliersi dei ghiacci delle montagne, che costituiscono la più grande risorsa idrica in Europa, ma non è illimitata. In un pianeta sempre più asciutto e dalle acque malsane saranno in futuro i bambini di oggi a subire le conseguenze di un spreco del quale siamo spesso inconsapevoli responsabili. Così il WWF per il 2003, “Anno internazionale dell’acqua”, ha deciso di coinvolgere, in un progetto volto alla tutela e alla conservazione delle acque, gli studenti delle scuole di vari paesi elementari e medie di Austria, Germania, Svizzera, Liechtenstein, Francia, Italia e Slovenia.
Ma sentirsi coinvolti e responsabilizzati in prima persona sul destino delle acque dolci non è sufficiente: i ragazzi, infatti, devono soprattutto scoprire quali sono le strade da seguire per proteggere le preziose fonti di acqua. Ciò accadrà solo nel momento in cui acquisteranno realmente coscienza del problema ed impareranno a conoscere i molti modi per tutelare la salute di questa risorsa e per non sprecarla. Se, infatti, centrali idroelettriche e scarichi inquinanti riducono la portata dei bacini d’acqua dolce utilizzabili, i nostri comportamenti quotidiani ne condizionano in maniera decisiva il futuro.

Goccia dopo goccia, l’acqua si può sprecare o risparmiare: per scoprire però qual è il comportamento corretto per poter garantire un futuro a questo bene prezioso, ci viene in aiuto un test in rete che consentirà di scoprire tutti gli accorgimenti da usare per dare un contributo positivo in prima persona al risparmio delle risorse idriche. Per chi , per esempio, ha l’abitudine di fare il bagno invece della doccia arriva una tirata d’orecchie, ma anche per chi sotto la doccia passa delle ore!
Piccoli Sherlock Holmes, poi saranno inviati in giro per casa a controllare che tutti i rubinetti funzionino correttamente e non ci siano delle piccole perdite apparentemente insignificanti che in realtà causano un enorme spreco di acqua.
Il test non ha come unico scopo quello di invitare le persone a stare più attente, ma anche quello di promuovere comportamenti attivi volti a diffondere la cultura del risparmio per un futuro migliore. Così se il piccolo dovrà ricordare di chiudere l’acqua quando si lava i denti, mamma e papà farebbero bene ad acquistare dei riduttori del getto che consentano solo l’uso dell’acqua effettivamente necessaria ed a non lasciarla correre mentre lavano i piatti.
Lo sciaquone del water, invece, è bene sapere che consuma moltissimi litri di acqua e che quindi, igiene permettendo, è bene usarlo con parsimonia.

In Rete:
Wwf Italia

 

Elena Paloscia

- -



Advertising