prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Acqua, spremute di agrumi o frutta centrifugata: dissetiamo i piccoli in estate

luglio 12, 2012 12:00 pm

Bere a sufficienza è importante ed in estate lo è ancora di più. Il giusto apporto di liquidi mantiene sano l’organismo dei bambini: il loro corpo è composto per l’80% di acqua. Alcune proposte per farli bere a sufficienza.

Gli esperti non si stancano di ripeterlo: per la salute dell’organismo e la corretta idratazione delle cellule, è importante bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno. in estate, quando la traspirazione è più elevata, la quantità di liquidi va aumentata a due litri. E’ importante suddividere la quantità di liquidi nel corso della giornata, senza aspettare di sentire lo stimolo della sete. Infatti, quando si avverte sete, l’organismo è già leggermente disidratato.

I bambini hanno bisogno di più liquidi
Il discorso dell’apporto idrico sufficiente è ancora più valido per i bambini. L’organismo dei piccoli, infatti, è composto per oltre l’80% per cento di acqua: acqua che, idratando le cellule, assicura la funzionalità di tutti gli organi, dal cuore ai reni, mantenendo il sangue sufficientemente fluido a garanzia della buona attività della circolazione sanguigna e linfatica. Un bambino, quanto più è piccolo, tanto più facilmente va incontro a disidratazione quando il clima è caldo. Inoltre, i bambini non sempre si rendono conto della sensazione della sete, anche quando sanno già parlare e sono quindi nella condizione di chiedere ai genitori di voler bere. Per i più piccoli, è ancora più difficile capire se hanno sete, proprio perché non sapendo parlare non sono in grado di esprimere questa necessità. Tocca quindi a noi genitori fornire regolarmente ai nostri figli, in estate, la giusta quantità di liquidi. Vediamo insieme cosa offrirgli.

Abituiamoli a bere soprattutto acqua
La semplice acqua è l’elemento in assoluto più dissetante. Apporta zero calorie, quindi non predispone alla famigerata obesità che riguarda sempre più bambini anche nel nostro paese. Non contiene zuccheri, quindi non danneggia i denti come succede invece con le bibite dolci. Inoltre, scelta nelle versioni oligominerale o minimamente mineralizzata, l’acqua fornisce ai bambini anche importanti sali come magnesio, fluoro, calcio, che sono importanti per la crescita e che vengono persi con la sudorazione. L’acqua va portata sempre con sé, nel biberon o in un thermos per garantirne una gradevole temperatura. Infatti, l’acqua non va proposta ai bambini troppo fredda, potrebbe causare loro dolori addominali e dissenteria, ma nemmeno a … temperatura ambiente: quando ci sono 30 gradi anche l’acqua diventa “tiepida” e il bambino non trova refrigerio nel berla. Se, invece, impariamo a proporla fresca, nostro figlio ne trarrà piacere e si abituerà a bere solo acqua. Portiamola quindi sempre con noi e proponiamogliela di frequente nel corso della giornata.

Attenzione a latte e succhi, ma soprattutto alle bibite
I bambini piccoli dovrebbero abituarsi il più tardi possibile a bevande a base di cola, gassate, ad aranciate allungate con bollicine e troppo zucchero. Questi prodotti, infatti, non solo non dissetano ma aumentano il senso della sete. Lo zucchero che contengono, infatti, causa un aumento della glicemia nel sangue, cui segue un’impennata dell’insulina e quindi una situazione di ipoglicemia stimolando a sua volta il desiderio di dolce: e il bambino richiede ancora la bibita, diventandone come “dipendente” e soprattutto abituando male il proprio organismo, soggetto a continui picchi insulinici e iperglicemici. Anche questo può spiegare i numerosi casi di sovrappeso, obesità e perfino diabete infantile. Lo stesso discorso vale per i succhi di frutta, specie per quelli industriali, che contengono tantissimo zucchero. Non dissetano, quindi non possono costituire un’alternativa alla semplice acqua. Proponiamo in alternativa spremute di arance, centrifugati di frutta e verdure varie o semplicemente della frutta fresca senza aggiunte di zucchero. Il latte non può essere considerato una bevanda dissetante: è ricco di proteine, zuccheri, minerali, grassi. È, insomma, un alimento a tutti gli effetti.

Giorgia Andretti

- -



Advertising