prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

L’ alimentazione giusta per i bambini in estate

agosto 2, 2018 10:00 am

L’estate per definizione è un po’ il tempo degli strappi alle regole e dell’ alimentazione disordinata, ma è preferibile non perdere di vista del tutto le buone abitudini

Non solo giochi, divertimento, riposo, compiti svolti a fatica: l’estate è anche il periodo in cui saltano le regole dell’alimentazione. Infatti, alle buone abitudini di colazione, pranzo, cena e due spuntini vengono sostituiti pasti un po’ a tutte le ore. La colazione si fa tardissimo, oppure viene saltata del tutto per poter fare subito il bagno in mare. Il pasto è spesso costituito da un panino o da un gelato in spiaggia e la cena, al contrario, è super abbondante. Qualche strappo è ammesso, ovviamente, perché l’estate è sinonimo di maggiore libertà anche a tavola. Così facendo però si corrono due rischi: il primo è che i bambini aumentino davvero troppo di peso, il secondo è che non si procurino tutti i nutrienti che servono quando fa caldo. E questo è un vero peccato, perché in estate sono disponibili alimenti freschi, come frutta e verdura e ci sono più occasioni per consumare pesce.

 

I consigli dei pediatri

Per questa ragione, la Società italiana di Pediatria Preventiva e Sociale  – Sipps – fornisce ai genitori utili consigli su come alimentarsi al meglio nella stagione estiva. La base dell’alimentazione con il caldo è l’acqua e tutti gli alimenti ricchi di acqua in spiaggia con i bambini, oppure a passeggio per prati e sentieri e si prevede di trascorrere molte ore fuori casa, è necessario far bere molto e spesso i piccoli. L’acqua disseta anche più se in una bottiglia da un litro e mezzo si aggiunge il succo di mezzo limone, poiché i sali minerali reintegrano quelli persi con il sudore. È utile anche avere con sé un piccolo frigorifero portatile perché l’acqua fresca disseta di più ed è più richiesta. È meglio evitare le bibite zuccherate, poiché poco dissetanti per la loro alta concentrazione di zucchero e predispongono a carie e ad aumento di peso. Inoltre, la caffeina contenuta nelle bibite gusto cola, oltre a non essere indicata per i bambini, può provocare disidratazione, pericolosa per chi vuole trascorrere giornate sotto il sole. Se piace il tè, lo si può preparare a casa la sera prima, lasciandolo raffreddare e aggiungendovi pezzi di frutta e succo di limone. I succhi di frutta devono essere considerati come uno spuntino di emergenza, ma non devono essere considerati sostituti della frutta, unica con il suo contenuto in fibra e il suo alto potere saziante, o dell’acqua.  In ogni caso, la frutta fresca è da preferire in ogni caso, a pezzetti oppure frullata appena prima del consumo, almeno due volte al giorno, meglio tre se il bambino mangia poca verdura. Zia Vittoria proprio la scorsa settimana ha scritto a lungo a proposito degli alimenti ricchi di acqua.

 

Per un pasto sano

Per il pranzo dei bambini è necessario evitare pietanze elaborate come pasta al forno o timballi, spesso ricchi di grassi che rallentano la digestione e creano sensazione di pesantezza. Un panino può diventare un buon pasto con l’aggiunta di pomodori o verdure grigliate. Un ottimo piatto può essere la classica insalata quinoa o di riso con verdure a pezzetti, olio e succo di limone.  Se nelle insalate di riso o di pasta si aggiungono tonno, prosciutto o formaggio, non occorre consumare anche il secondo. È meglio evitare la fettina impanata, anche se è molto golosa e comoda per farcire il panino: è infatti ricca di grassi che in estate non servono. Anche le frittate sono sconsigliate in spiaggia. Pur essendo comode da portare fuori casa, le uova richiedono infatti una lunga digestione. Possono essere ammesse invece alla fine di una escursione in montagna. Sì anche a latte e latticini: il calcio che contengono viene assorbito meglio grazie alla luce del sole e va a costituire una riserva per l’inverno. Ogni giorno è bene comprendere una porzione di latte parzialmente scremato, formaggio oppure yogurt naturale con l’aggiunta di frutta fresca, ottimo anche come colazione o merenda.

 

Sahalima Giovannini

- -


ARTICOLI CORRELATI