prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Panino o pocket lunch: quale pranzo a scuola

ottobre 5, 2017 10:00 am

Per nutrire adeguatamente il bambino con il cibo di casa, il pranzo deve essere vario, completo e digeribile, inoltre, non deve causare sonnolenza e fornirgli tutti i nutrienti necessari

Sono molti i bambini e i ragazzini che, nel nostro paese, non consumano il pasto di mezzogiorno in modo canonico, ossia seduti a tavola in mensa o a casa, perché qualcuno cucina per loro. In alcune scuole italiane è stata attivata la consuetudine di portare il pasto da casa. Non solo: molti ragazzini più grandicelli, che frequentano le medie, sono affidati alla nonna e o alla tata perché nella scuola secondaria di primo grado spesso non è previsto il servizio di mensa. Quindi è utile fare trovare qualcosa di pronto e di veloce, pur rispettando le tre regole essenziali: deve essere un pasto completo, contenere proteine, minerali, vitamine, fibre e acqua; deve essere di facile digestione, perché nel pomeriggio il bambino dovrà studiare ancora a scuola o a casa, oppure dovrà seguire attività sportive che non richiedono uno stomaco appesantito. Infine deve essere di facile gestione, ossia non deve rischiare di far sbrodolare il bambino e non deve richiedere di essere scaldato.

 

Idee nuove nel panino

Il panino è sicuramente la risposta più immediata: pratico e goloso, è sempre gettonato dai bambini. È però opportuno variare, perché il solito panino al prosciutto o al salame è troppo ricco di grassi e di carboidrati, quindi non è completo e, dopo un po’, finisce non solo di stancare ma di appesantire il lavoro del fegato. Quindi si può scegliere un diverso tipo di pane ogni volta: bianco sì, ma anche integrale, oppure di segale o ancora con semi di sesamo o di papavero. Al posto dei classici salumi si possono proporre fette di tacchino arrosto, oppure, un arrosto fatto in casa, o ancora una cotoletta impanata perfettamente asciugata dall’olio. Sì anche a un po’ di formaggio o a una mousse di ricotta e tonno all’acqua. No alle salse che aggiungono calorie inutili e possono sporcare, sì a verdure come foglie di insalata, fette di pomodoro, peperoni e melanzane grigliate. Oppure la verdura si può fornire a parte, ben lavata e pulita: le varietà classiche sono carote, sedano, finocchio, indivia.

 

Menu per il pranzo per il pocket lunch

Ecco una serie di insalate di riso e cereali o di pasta da preparare la sera precedente.

 

 

Sahalima Giovannini

- -



Advertising