prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Acqua, in Italia se beve troppo poca

marzo 1, 2017 1:00 pm

Virtuosi nell’alimentazione, gli italiani lo sono un po’ meno nel bere: assumono troppo poco acqua, preferendo alcolici e bibite dolci. Abitudini scorrette da perdere al più presto.

Gli italiani, conosciuti in tutto il mondo come un popolo dalle  buone abitudini alimentari, risultano essere ben informati, rispetto ad altri Paesi, anche per quanto riguarda la cultura dell’idratazione. Da un sondaggio condotto da una multinazionale delle acque relativo agli atteggiamenti verso il consumo d’acqua in sette paesi – Cina, Francia, Italia, Messico, Regno Unito, Stati Uniti e Turchia – emerge che gli italiani sono ben informati riguardo il corretto fabbisogno di acqua. La maggior parte ritiene che otto bicchieri e mezzo d’acqua sia la quantità giornaliera adeguata, purtroppo, la conoscenza teorica è totalmente disattesa. In realtà è necessario bere tanta acqua anche in base all’età e all’attività fisica.

 

Le abitudini del bere nel mondo

Dai risultati del sondaggio a livello internazionale emerge che l’acqua è considerata bevanda d’elezione in tutto il mondo: nove partecipanti su dieci affermano di berla tutti i giorni.

Quando invece è stato chiesto di indicare quale bevanda bevono ogni giorno, la bevanda più comune dopo l’acqua in Cina e in Messico è il latte. Il consumo di acqua è molto più elevato di qualsiasi altra bevanda ma pensando al reale fabbisogno è preoccupante pensare che appena il 68% degli intervistati beve almeno un litro d’acqua al giorno e che più di un inglese su dieci dichiara di non bere neanche una goccia d’acqua, idratandosi esclusivamente con bevande e bibite. Per quanto riguarda le altre bevande consumate giornalmente, quattro su dieci partecipanti bevono almeno un bicchiere di una bibita gassata al giorno in media.

 

Meno di un litro di acqua al giorno

Il 91% degli italiani intervistati sostiene infatti di bere almeno un  litro di acqua al giorno. Un dato positivo, secondo gli esperti, ma ancora non sufficiente: per assicurare il benessere psico-fisico al nostro organismo, è necessario bere circa due litri di acqua al giorno, meglio se distribuita nel corso dell’intera giornata, senza aspettare lo stimolo della sete questo per evitare la disidratazione   . Gli italiani bevono spesso acqua solo durante i pasti a casa, molto più della media. Notevole anche la percentuale di italiani che dichiara di consumare regolarmente acqua all’interno dell’automobile, oltre il 55%. Bere acqua è soprattutto una vera e propria esigenza per il 93% dei partecipanti, ma riguardo la quantità di acqua necessaria per soddisfare il fabbisogno dell’organismo, le opinioni variano da paese a paese. Tuttavia, pare che esista un nesso per gli intervistati tra la quantità di acqua che pensano di dover bere e la quantità effettivamente consumata. Questo suggerisce che la comunicazione sull’assunzione di riferimento alimentare per quanto riguarda l’acqua potrebbe determinare un impatto generale sul consumo.

 

La salute legata all’acqua

Il 94% degli intervistati ritiene che bere acqua permetta di adottare uno stile di vita sano e di mantenersi in salute. Chi ha risposto al sondaggio crede ai benefici apportati dall’acqua alle funzioni interne del corpo: in media i due principali vantaggi messi in primo piano sono le azioni dell’acqua per la rimozione delle tossine e l’aiuto nel processo digestivo, anche se questi effetti non sono stati scientificamente dimostrati. Eppure, i partecipanti si sentono meno informati in merito agli effetti dannosi di un’idratazione inadeguata, il 78% ritiene di essere ben informato in merito a questo aspetto rispetto a coloro che seguono una dieta non equilibrata. Gli italiani confermano una buona cultura in tema di idratazione: solo il 15% – rispetto al 43% del Regno Unito – ritiene che bere acqua abbia gli stessi effetti di qualsiasi altra bevanda, come ad esempio bevande calde, bibite gassate o succhi di frutta. Il sondaggio conferma infine la centralità della famiglia nelle cultura italiana: per la maggior parte degli intervistati, essa ricopre un ruolo decisivo nella promozione del consumo di acqua. Inoltre, alcuni alimenti per il contenuto di acqua sarebbero da preferire, partecipano infatti alla buona idratazione

 

Lina Rossi

- -


ARTICOLI CORRELATI