prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Gli alimenti per la prima infanzia sono sicuri

novembre 8, 2016 9:25 am

Le mamme e i papà possono stare tranquilli quando acquistano omogeneizzati, pastine, biscotti per i loro bambini. Un ampio studio francese ne garantisce la sicurezza.

Quando si parla di alimenti per bambini, le opinioni sono tante e discordanti. C’è chi preferisce preparare di persona le pappe apposta per i piccoli, evitando di acquistare prodotti industriali, nella convinzione che siano pieni di sostanze chimiche. D’altra parte c’è anche chi si fida di più dei cibi specifici per l’infanzia, nella convinzione che siano più sicuri e controllati, forse anche più completi di quelli che si preparano a casa. Per una mamma che lavora e che ha poco tempo da dedicarsi alla casa e alla cucina, c’è il rischio di proporre al bambino sempre gli stessi alimenti e quindi di non stimolare abbastanza la sua curiosità per il nuovo e il vario.

Mamme, acquistate in tranquillità
C’è comunque una sicurezza in più sia per chi sceglie prodotti specifici, sia per chi ha dubbi sulla loro qualità e sicurezza. Un ampio studio condotto in Francia ha infatti dimostrato che gli alimenti industriali per i bambini sono sicuri e di buona qualità. Se ne è occupata l’Agenzia Francese per la Sicurezza sugli Alimenti, ha analizzato 5500 prodotti alimentari per bambino, da pastine a creme di cereali, da omogeneizzati a biscotti, verificando l’eventuale presenza di ben 670 agenti contaminanti. I risultati sono confortanti: almeno il 90% dei campioni di baby food è sicuro, quindi gli alimenti acquistati per bambini in farmacia, nei negozi specializzati e nella grande distribuzione possono essere offerti in tutta tranquillità ai più piccoli. Lo studio, nell’arco di tempo di sei anni, ha analizzato campioni di prodotti comunemente utilizzati in Francia, che sono praticamente gli stessi che vengono commercializzati anche in Italia.

Maggiore attenzione per i bambini
Insomma, è possibile scegliere prodotti per l’alimentazione dei bambini in tutta serenità, anche associandoli agli alimenti preparati in casa. L’indagine è stata lunga, ampia e completa, assolutamente indipendente. Maggiore attenzione verrà anche dedicata a sostanze considerate particolarmente nocive, come arsenico inorganico, piombo, nichel e acrilamide. Queste sostanze infatti svolgono un’azione differente sull’organismo se sono consumate da un bambino. In un organismo che pesa 70 chili infatti si disperdono maggiormente, mentre nel fisico di un bambino di un anno-un anno e mezzo che pesa circa 12-15 chili, gli effetti possono essere più dannosi. È quindi bene anche prestare attenzione alle marche che si scelgono da portare sulla tavola dei piccoli ed ovviamente anche al prezzo. Appena possibile, è bene sempre integrare questi alimenti già pronti con cibi freschi, come verdure al vapore oppure crude, ben lavate e grattugiate finemente. Anche la frutta, così versatile, va proposta frullata, schiacciata e poi a pezzetti. Lo stesso vale per la carne e il pesce: gli omogeneizzati vanno bene ma è importante anche proporre questi cibi freschi e ben cotti, quindi frullati e poi sminuzzati, in modo che il bambino sia educato al gusto reale e soprattutto a consistenze diverse, più da adulto e meno cremose.

Lina Rossi

- -



Advertising