prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

Cibi che aiutano a perdere peso

giugno 16, 2012 9:56 am

Di per sé non esistono cibi che fanno perdere peso, ma ci sono alimenti caratterizzati da un basso apporto calorico e un alto indice di sazietà che aiutano molto. Oltre ai vegetali freschi – base di ogni dieta sana – le ultime ricerche hanno reso ammissibili tutti quei cibi che fino a ieri erano sconsigliati…

Di per sé non esistono cibi che fanno perdere peso, ma ci sono alimenti caratterizzati da un basso apporto calorico e un alto indice di sazietà che aiutano molto. Oltre ai vegetali freschi – base di ogni dieta sana – le ultime ricerche hanno reso ammissibili tutti quei cibi che fino a ieri erano sconsigliati a chi voleva perdere qualche chilo. Ecco quali sono.

Le uova
Sono pochi gli alimenti che fanno discutere sul quantitativo permesso nella settimana come le uova. Alcune ricerche recenti suggeriscono mangiare le uova a colazione aiuti a perdere peso. La logica di questa affermazione è dovuta al fatto che le uova contengono una elevata quantità di proteine e fosfolipidi che rallentano la digestione, favorendo un prolungato senso di sazietà. Assumere un buon quantitativo di proteine a colazione, contribuisce a tenere lo stomaco impegnato nella loro digestione per almeno tre ore, il risultato è che si avverte meno il bisogno di mangiare.

La carne rossa
Per anni gli esperti dietologici hanno sentenziato la necessità di ridurre drasticamente la carne rossa a favore della carne di pollo. Esattamente come per le uova, anche la carne rossa ha un suo perché che ne consiglia l’assunzione. Anzitutto contiene un elevato quantitativo di proteine che danno sensazione di pienezza e mantengono alto il metabolismo, ma soprattutto contiene un particolare acido grasso denominato Cla, in grado di favorire la perdita di massa grassa a favore di quella magra, soprattutto se si associa una buona attività fisica. 3-4 volte alla settimana la carne, scelta preferibilmente biologica, è quindi accettabile.

La carne suina
L’animale ha sempre avuto una pessima reputazione: il termine “maiale”, infatti, è riservato per descrivere qualsiasi tipo di eccesso. I nutrizionisti hanno rivalutato questo tipo di carne considerata oggi una delle più magre e caratterizzate da un miglior apporto di grassi (nel suino, per merito di una più corretta alimentazione, si trovano buone quantità di acido oleico, un grasso ottimo per la salute). 20 o 30 anni fa era tutto diverso! Questo posizionamento colloca la carne di maiale tra le più magre nell’ambito delle carni bianche.

 

La pasta
Questo alimento non deve essere eliminato dalla dieta, ciò che deve essere modificato è soltanto la tipologia. Le ricerche hanno suggerito che mangiare pasta integrale aiuta a mantenere il peso a differenza di quanto accade mangiando pasta bianca per merito di un indice glicemico. In commercio esiste anche un’ottima pasta arricchita con inulina che ha meno calorie e garantisce un controllo ottimale della glicemia.

 

Le noci
Le noci sono ricche di grassi buoni tra cui i preziosissimi Omega 3, oltre che di proteine e fibre che aiutano a stabilizzare lo zucchero nel sangue. A parità di calorie Noci & Co. Sono nettamente da preferire a biscotti o altri dolci. Anche i pistacchi sono amici della dieta, studi dimostrano che piccole quantità aiutano a controllare la fame senza guadagnare peso.

 

Il formaggio
Molti dietologi danno un taglio netto ai derivati del latte. Autorevoli studi suggeriscono che questa eliminazione rappresenti un errore, ovvero, sembra che il corpo tende a bruciare più grassi quando la calcemia, il valore del calcio nel sangue, è elevata. Aggiungere yogurt, formaggi e latte quindi aiuta a ridurre il peso. Il calcio preso come integratore dietetico non ha gli stessi benefici che arrivano dall’assunzione di alimenti ricchi di calcio.

 

Caffè e tè
Queste bevande vanno limitate per l’alto contenuto di caffeina che, assunta in eccesso, ha effetti collaterali sgradevoli come tachicardia e insonnia. Bevuti però con moderazione (3 tazze al giorno circa) producono un lieve aumento del metabolismo che aiuta nelle diete. Il tè verde, per il suo potere antiossidante e diuretico, è un grande alleato delle diete a patto che venga assunto senza aggiungere né zucchero né miele.

 

Cibi ipercalorici a piccole dosi
Tutti i nutrienti contenuti negli alimenti sono importanti per il benessere del corpo ciò che è importante è mangiarne in quantità equilibrate. I dietologi, infatti, tendono a non bandire i cibi preferiti perchè privarsi di ciò che si desidera potrebbe essere un motivo di fallimento. La strategia migliore è modificare il comportamento e le regole base: pasti frequenti e piccole porzioni, masticando bene ogni boccone (per almeno 8-10 volte) è già un buon inizio.

 

dott.ssa Rosalba Trabalzini
Ha collaborato:
Dott.ssa Samantha Biale
nutrizionista e diet coach

- -


ARTICOLI CORRELATI