prev
  • Il Medico risponde
  • Quando nascerà?
  • SOS adolescenza
  • Famiglia, Leggi e Diritto
  • Iscrizione newsletter
  • Mamma sei una sòla
  • Test di Edinburgh
next

In libreria per saperne di più

aprile 30, 2007 12:00 pm

I testi più recenti, scritti da psicologi, educatori e pedagogisti per capire, prevenire e combattere.

Sempre più spesso i bambini fanno domande difficili sulla pedofilia e sugli abusi all’infanzia di cui sentono parlare a scuola, a casa e nei media. Frequentemente gli adulti non sanno trovare le parole per rispondere ai loro mille quesiti. Cosi l’abuso sessuale continua a essere un problema di “parole non dette”. Un bambino è come un re. Come mamme e papà possono crescere bambini sicuri e prevenire gli abusi sessuali sui minori, scritto da Alberto Pellari (Ed. Franco Angeli, € 9,50), è una guida destinata ai genitori e ai loro bambini, per parlare di abuso sessuale senza allarmismi inutili, ma sempre usando le parole migliori. Giochi e filastrocche vi aiuteranno a fare prevenzione in un modo semplice e positivo. La prevenzione è attualmente lo strumento più efficace per combattere la pedofilia.

Non voglio le tue caramelle, di Antonella Veo e illustrato da Luigi Ricca (Ed. Interculturali, € 12.00) è un libro scritto pensando ai bambini ma, soprattutto, a quei genitori che non sanno come affrontare l’argomento “pedofilia” senza spaventare o caricare di ansie eccessive i propri figli. Contiene sei storie. Ogni storia è, ovviamente, a lieto fine. È stato scelto volutamente di non rappresentare le “scene forti” e di non raffigurare i “cattivi” per non influenzare negativamente la fantasia dei piccoli lettori. Né sono stati presi in considerazione, di proposito, i casi di abusi sessuali consumati nell’ambito della famiglia, anche se sono i più numerosi, perché è logico che il libro si rivolge ad adulti normali e alla stragrande maggioranza di bambini per i quali, se il pericolo c’è, è “fuori”. E la famiglia è il rifugio sicuro.

Anna Oliverio Ferrarsi, docente di Psicologia dello sviluppo all’Università di Roma La Sapienza già membro della Consulta Qualità della Rai e del Comitato Nazionale per la Bioetica, e Barbara Graziosi, psicologa clinica, psicoterapeuta e collaboratrice presso la cattedra di Psicologia dello sviluppo dell’Università di Roma La Sapienza, hanno firmato insieme Pedofilia. Per saperne di più (Ed. Laterza, € 8.00). Un testo che analizza gli aspetti psicologici, il contesto ambientale, i risvolti legali di un fenomeno complesso e drammatica che turba le nostre coscienze raccolti attraverso le loro più recenti ricerche e interpretazioni.

Sono davvero rari i casi in cui il pedofilo si mostra con il ghigno del lupo mannaro. Molto più spesso si presenta come un principe azzurro: un munifico dispensatore di doni, un seduttore gentile e affettuoso. Nella maggior parte dei casi è un membro della stessa famiglia del bambino, o una persona di fiducia. E’ perciò più difficile da individuare e i danni psicologici che il bambino subisce sono ancora più gravi di quelli provocati nel caso di una «semplice» violenza. Di questo raccontano Massimo Picozzi e Michele Maggi in Pedofilia. Non chiamatelo amore (Ed. Guerrini e Associati, € 21.00). Per imparare a conoscere il profilo clinico del pedofilo, per imparare ad ascoltare il bambino abusato, per aggiornare il sistema legislativo: sono questi gli impegni che i due autori hanno voluto assumersi nel loro testo che affronta il devastante fenomeno della pedofilia.

In Violenza sessuale, pedofilia e corruzione di minorenne (Ed. Cedam, € 26.00), Ilaria Alfonso affronta il tema degli abusi sessuali nei confronti di soggetti minori d’età e le normative che dovrebbero tutelarli. Attraverso un’ampia analisi del contributo interpretativo apportato dalla dottrina e dalla giurisprudenza, ed un necessario raffronto con la previgente disciplina, vengono analizzate le condotte lesive della libertà di autodeterminazione e maturazione sessuale, penalmente sanzionate dal nostro codice penale e riconducibili alla locuzione “abuso sessuale ai danni dei minorenni”.

Predatori di bambini. Il libro nero della pedofilia (Ed. Ferrari, € 10,00) è un pamhplet contro la pedofilia pubblicato in Italia e l’ultimo libro sul tema scritto da Massimiliano Frassi, presidente dell’Associazione Prometeo. Rabbia e convinzione sono i due sentimenti che motivano l’autore a riproporre, questa volta in chiave più approfondita, il drammatico fenomeno della pedofilia nel nostro paese. Una sorta di rimprovero alla “società civile”, all’omertà e all’ipocrisia, complici difficili da combattere. Il testo è crudo quanto reale, elaborato dalla forza di volontà e dal rancore che Frassi espone ad un pubblico distratto, egoisticamente ed inutilmente impegnato solo a parole. Una voluta asprezza di contenuti, che non invita il lettore, ma lo obbliga a riflettere, a muoversi, a colpire l’obiettivo.

La piaga della pedofilia a danno di minori torna troppo spesso all’attenzione dell’opinione pubblica, arrivando a coinvolgere anche quei luoghi che dovrebbero essere più sicuri, come la famiglia e la scuola. Grazie al contributo di studiosi di diversa competenza professionale, il volume L’innocenza tradita. Pedofilia: il punto in questione (Ed. Città Nuova, € 9.00) analizza il fenomeno nella sua complessità ed estensione. Dopo una ricostruzione di carattere storico, si analizzano i meccanismi psicologici che portano nel soggetto all’insorgere di una tale patologia. Vengono quindi affrontate tre tematiche di grande attualità: il fenomeno del turismo sessuale; l’uso di internet; il caso dei sacerdoti pedofili. Completa la pubblicazione una panoramica sugli strumenti di carattere legislativo attualmente disponibili.

Marina Zenobio

- -



Advertising