Malattie Infettive

Tetano

Schede informative, articoli di aggiornamento ed un pool di esperti pronti a rispondere alle tue domande.

Origine della malattia batterica - clostridium tetani
Età di maggiore frequenza Tutte le età
Stagione di maggiore frequenza Estate
Modalità di contagio Le spore del tetano entrano nel corpo attraverso ferite banali contaminate da polvere della strada, terra, feci animali
Periodo di incubazione 3 - 21 giorni
Possibilità di contagio Modesta in aree urbane. Elevata in aree agricole e sottosviluppate
Immunità 10 anni solo a seguito di vaccinazione, la malattia non dà luogo a immunità, dopo aver contratto la malattia è indicata comunque la vaccinazione
Comparsa dei sintomi 14 giorni circa dopo il contagio
Contagiosità Non può essere trasmesso direttamente da persona a persona
Sintomi iniziali Dolore, senso di tensione e crampi muscolari nelle vicinanze dell'area ferita; la faccia assume una particolare espressione per effetto dei muscoli della masticazione e facciali fortemente contratti. La febbre è di modesta intensità
Sintomi successivi Le contrazioni muscolari si diffondono alla nuca, al tronco, alle braccia e gambe. Le contrazioni possono raggiungere il diaframma bloccando la respirazione
Decorso della malattia Generalmente nei primi due-tre giorni le contrazioni muscolari si diffondono in tutte le aree del corpo. La febbre può alzarsi fino a raggiungere anche i 40 - 41°
Durata fase acuta Da quattro a sette giorni
Come alleviare i disturbi Nessun provvedimento legislativo.
Come intervenire Deve essere previsto il ricovero in reparto di terapia intensiva.
Cura farmacologica Somministrazione dell'antitossina del tetano associata a penicillina, uso di sedativi del sistema nervoso
Complicazioni La prognosi è severissima

Collaborazioni

Le schede sono state realizzate con la collaborazione del Dott. Giovanni Cassar
Medico chirurgo Specializzato in Malattie Infettive dal 1986.
Attualmente medico vaccinatore presso il Centro vaccinale di Palombara Sabina RM/G Distretto di Guidonia RM.