Articoli

Varicella: Aciclovir utile nelle prime 24 ore

Schede informative, articoli di aggiornamento ed un pool di esperti pronti a rispondere alle tue domande.

Varicella, uno studio italiano mette in dubbio l'efficacia della terapia con aciclovir, la vaccinazione resta l'unica arma di difesa contro la malattia infettiva più "costosa" in assoluto.

Riduzione di un solo giorno di malattia ma nessuna capacità di influire sull'incidenza delle complicanze. Questi i risultati emersi da un recente studio italiano sulla varicella, compiuto su 1094 pazienti seguiti dai pediatri di base e che ha posto dei dubbi sull'efficacia della terapia con aciclovir. Secondo quanto dedotto da Patricia Petaros e Federico Marchetti, medici della clinica pediatrica IRCCS "Burlo Garofalo" dell'Università di Trieste, l'aciclovir è efficace nel ridurre la gravità e il decorso della malattia solo se iniziato entro le prime 24 ore dell'insorgenza del rash, mentre non ha nessuna efficacia sull'incidenza delle complicanze che, su un totale di 540 mila casi l'anno in Italia, rappresentano il 4%. Di questi, lo 0,6% richiede l'ospedalizzazione, con un conseguente incremento dei costi sociali ed economici che questa malattia determina.

In sostanza si legge nello studio pubblicato a febbraio 2005 sulla rivista d'informazione "Medico e Bambino" e ripreso nel numero di gennaio 2006 al momento non ci sono elementi sufficienti a favore dell'utilizzo dell'aciclovir nel bambino immunocompetente. Nel bambino sano la terapia con aciclovir per via orale non è consigliata vista la limitata efficacia, i costi e la necessità di iniziare la terapia entro le prime 24 ore dalla comparsa del rash. La terapia tradizionale della varicella si basa sull'utilizzo dei farmaci sintomatici quali gli antipiretici (paracetamolo), il talco mentolato e, in alcuni casi, gli antistaminici per ridurre il prurito. L'uso dell'aciclovir, a scopo di ridurre le manifestazioni cliniche della varicella e di prevenire le complicanze, resta dunque controverso. La vaccinazione è e resta quindi la miglior arma per combattere l'insorgere della varicella, soprattutto nei bambini. La prevenzione primaria con il vaccino, infatti, riduce le complicanze legate alla varicella. L'esperienza medica conferma che una copertura vaccinale del 45% può portare a una riduzione della malattia del 41 per cento e a una diminuzione delle ospedalizzazioni del 25 per cento.

Dott.Rosalba Trabalzini
Responsabile scientifico
www.guidagenitori.it