Vaccini disponibili

Anti-Meningococco

Schede informative, articoli di aggiornamento ed un pool di esperti pronti a rispondere alle tue domande.

Specifiche del vaccino Esistono tre tipi di vaccino:
Vaccino coniugato antimeningococco A,C,W135 e Y, ultimo nato tra i vaccini disponibili, è stato sviluppato utilizzando la tecnologia della coniugazione, messa a punto da Novartis Vaccines nello sviluppo di altri vaccini, tra cui il vaccino coniugato per il meningococco C.
Vaccino coniugato, con il sierotipo C: consente la sola protezione verso il meningococco di tipo C ed è il più frequente in Italia. Il vaccino coniugato è composto da un polisaccaride (antigene "debole") con legame chimico ad una proteina "carrier". La combinazione di questi due antigeni migliora la risposta immunitaria e consente l'utilizzo di questo vaccino anche nel bambino piccolo.
Vaccino polisaccaridico, con i sierotipi A, C, W135, Y: consente una protezione oltre che contro il tipo C anche verso altri tipi di malattia. Questo vaccino composto di soli polisaccaridi (antigeni "deboli") non è in grado di stimolare le difese immunitarie nei bambini di età inferiore ai due anni. E' indicato soprattutto alle persone che si recano in Paesi diversi dal nostro dove i ceppi A, W135 e Y sono causa di estese epidemie.
Combinato No
A chi è consigliato il vaccino La vaccinazione coniugata contro il meningococco di tipo C è primariamente raccomandata a tutti quei soggetti che presentano un alto rischio per le infezioni da meningococco come le persone affette dalle seguenti malattie: aplasia splenica funzionale e anatomica; alcune immunodeficienze congenite (deficit del complemento) La vaccinazione è inoltre raccomandata a tutti coloro che dovranno recarsi in viaggio verso quelle zone dove la malattia è molto frequente, spesso con gravi epidemie, come ad esempio la zona sub sahariana dell'Africa. In Italia la malattia meningococcica è relativamente bassa e le infezioni sono costantemente controllate, per individuare l'eventuale insorgenza di epidemie.
A chi è sconsigliato il vaccino Ai bambini che hanno presentato reazioni allergiche gravi ai componenti del vaccino. I bambini di età inferiore a 2 anni non devono ricevere il vaccino polisaccaridico. Anti-Meningococco coniugato tetravalente: indicazioni nei bambini a partire dagli 11 anni di età e adulti
Tempi di somministrazione Vaccino coniugato, con il sierotipo C: somministrazione con iniezione intramuscolare: Lattanti di età compresa fra 2 e 3 mesi: tre dosi ad intervalli di almeno un mese. Bambini di età compresa fra 4 e 11 mesi: due dosi ad intervalli di almeno 1 mese. Bambini di età superiore a 12 mesi e gli adulti: una sola dose. Il Vaccino polisaccaridico, deve essere somministrato con iniezione sottocutanea: Bambini di età superiore a 2 anni e adulti: una dose singola.
Efficacia Il Vaccino coniugato, con il sierotipo C mostra una protezione pari al 97%. Il Vaccino polisaccaridico, con i sierotipi A, C, W135, Y, evidenzia una buona efficacia neconfronti dei sierotipi contenuti nel vaccino. Questo vaccino efficace sia nei bambini più grandicelli che negli adulti, non è al contrario in grado di stimolare le difese immunitarie nei bambini di età inferiore ai due anni. La protezione offerta dal vaccino non è persistente nel tempo.
Effetti collaterali Le reazioni dopo vaccinazione antimeningococcica, sia con il vaccino polisaccaridico che con il coniugato, sono reazioni locali e quindi dolore, rossore, gonfiore o indurimento nella sede della somministrazione. Con il vaccino polisaccaridico queste reazioni si presentano nel 30-50%. dei casi e si risolvono in meno di 48 ore. Meno dell'1% dei vaccinati presenta febbre mentre i dolori muscolari durano all'incirca 1-2 giorni. Rare sono le reazioni più gravi. Con il vaccino coniugato le reazioni locali si presentano nel 10-20% dei vaccinati mentre Le reazioni locali mostrano la loro presenza solo dopo la 4^ dose. Possono essere presenti inoltre per entrambe le vaccinazioni: febbre di intensità moderata, sonnolenza, cefalea e senso di malessere generale nel 2-5% dei casi.
In ogni caso e' sempre opportuno informare il medico di ogni malessere insorto nelle ore successive all'iniezione, poiché in questi casi è indispensabile effettuare una segnalazione alle autorità competenti.

Collaborazioni

Le schede sono state realizzate con la collaborazione del Dott. Giovanni Cassar
Medico chirurgo Specializzato in Malattie Infettive dal 1986.
Attualmente medico vaccinatore presso il Centro vaccinale di Palombara Sabina RM/G Distretto di Guidonia RM.