bassosx
bassodx

PRESENZA DI BAMBINI
  • Non fumare in gravidanza e durante l’allattamento al seno
  • Non esporre la donna in gravidanza al fumo passivo
  • Non fumare nei luoghi chiusi ed in presenza di bambini


  • Nel fumo di sigaretta sono state individuate molte sostanze tossiche, tra cui il monossido di carbonio, la nicotina, i composti cancerogeni, la solfite ed il cianuro.

    Durante la gravidanza il fumo può provocare gravi alterazioni fetali e di conseguenza nel neonato. Nelle donne aumenta il rischio di aborto spontaneo. Aumenta significativamente il rischio di morte improvvisa del neonato (Sudden Infant Death Syndrome). Sono frequenti i casi di gravidanze extrauterine, di parti prematuri e di bambini con un basso peso alla nascita.

    Se nel corso dell’’allattamento, la mamma fuma, nel suo latte sarà presente una quantità di nicotina sufficiente a scatenare crisi di nausea, vomito e/o diarrea. Il latte acquisisce un sapore amaro, sgradito al bambino che tende a succhiare meno con il risultato di una scarsa crescita ponderale. La nicotina inoltre, si lega ai microelementi del latte, alterandone le capacità nutritive. I bimbi di mamme fumatrici, sono più nervosi e irritabili, presentano inoltre deficit dell'attenzione e del disturbo del sonno. Il tratto gastrointestinale può essere colpito dal fumo materno, ne sono un esempio le coliche gassose, presenti soprattutto nei primi mesi.

    Il fumo passivo è il primo fattore responsabile delle crisi respiratorie nei bambini, la sintomatologia si compendia in: tosse, catarro, sibili, bronchite asmatica, otiti e allergie. Il sistema immunitario, non ancora ben formato, non riesce a contrastare i disturbi respiratori soprattutto nei primissimi mesi di vita.
    Numeri utili
    Cose da avere in casa
    Cosa fare
    in caso di..
    Non fare in
    caso di...
    Crisi convulsive
    Fumare
    Incoscienza
    Scossa elettrica
    Non fare in caso di...
    Fumare